Vai menu di sezione

BDT: che cosa è?

Quod non est in rete non est in mundo

La Biblioteca Digitale Trentina è il luogo dove sono conservati e resi disponibili i documenti digitali della Biblioteca comunale di Trento. Si tratta di riproduzioni fotografiche di materiali bibliografici di cui la Biblioteca conserva gli originali (fatta eccezione per parte delle edizioni che rientrano nel progetto "Del Concilio" ): libri, carte geografiche, cartoline, spartiti, ecc.; non comprende quindi i documenti nativi digitali.

La BDT si articola in tre collezioni:

  • Iconografia: contiene i documenti in cui la valenza iconografica è prevalente: cartoline, carte geografiche e mappe, incisioni, disegni, ecc.
  • Testi a stampa: si occupa di libri, manifesti, fogli volanti, ecc. prodotti con le tecniche tipografiche della “galassia Gutenberg”.
  • Manoscritti: raccoglie i documenti bibliografici di qualsiasi natura conservati in Biblioteca su supporti scritti a mano.

Ciascuna collezione è divisa in progetti, corrispondenti a singoli fondi (cartoline e manoscritti musicali ad es.), ad attività di valorizzazione particolari (antiche edizioni trentine, piante di Trento, ritratti di personaggi trentini ecc.), o a nuclei di documenti che per pregio e rarità sono soggetti a interventi di tutela (il progetto Preserving the World's Rarest Books che riguarda le edizioni rare o il progetto dei codici medievali).

Dalle pagine della BDT è possibile effettuare il download gratuito delle immagini, chiedere informazioni bibliografiche relative ai documenti digitalizzati o richiedere copie ad alta definizione.

Il motto della BDT è Quod non est in rete non est in mundo (“Ciò che non è presente nella rete è come se non esistesse”, un riferimento ironicamente serio a una massima del diritto romano). 

Pubblicato il: Sabato, 02 Febbraio 2019 - Ultima modifica: Lunedì, 18 Novembre 2019
torna all'inizio